Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica

Università Magna Graecia di Catanzaro

Laboratorio Di Biochimica, Biochimica Clinica E Biologia Cellulare

Responsabile Scientifico: Costanzo Francesco Saverio

Strumentazione e patrimonio: 
  • Computer, stampanti, scanner, copiatrice 
  • Strumentazione per la biologia molecolare, biologia cellulare e biochimica di base, colture di cellule primarie e linee cellulari, elettroporazione, citofluorimetria e microscopia a fluorescenza, Q-PCR, analisi di proliferazione, apoptosi ed attività trascrizionale basata su determinazione di bio- e chemioluminescenza
Progetti di ricerca: 
L’attività scientifica condotta dal nostro gruppo segue tre principali linee di ricerca:
  1. Identificazione dei meccanismi molecolari e metabolici attraverso i quali la H-ferritina (FHC), proteina ad attività ferrossidasica coinvolta nella regolazione del metabolismo del ferro e dell’omeostasi redox intracellulare, contribuisce allo sviluppo o alla soppressione del potenziale tumorigenico di differenti modelli tumorali in vitro e in vivo. In particolare la ricerca attualmente si focalizza sul ruolo di FHC i) nello sviluppo e nell’espansione della sottopopolazione di cellule staminali tumorali (CSCs) di carcinoma ovarico e carcinoma alla mammella, ii) nella regolazione dei meccanismi di resistenza ai differenti processi di morte cellulare quali apoptosi, ferroptosi e anoikis, iii) nella riprogrammazione metabolica delle cellule tumorali con particolare attenzione al contributo della ferritina mitocondriale, omopolimero di H-ferritina, nel ciclo degli acidi tricarbossilici (TCA) e nella catena di trasporto degli elettroni, iv) nella regolazione delle interazioni dirette proteina-proteina mediante lo studio dell’interattoma.
  2. Sviluppo di strategie diagnostiche e terapeutiche che fanno uso di ligandi peptidici mimetici in campo oncologico. In particolare: A) identificazione e caratterizzazione funzionale di peptidi in grado d'interferire con i checkpoint immunologici (PD-1/PD-L1, LAG-3, CTLA-4/B7) in sistemi in vitro; B) valutazione, in modelli in vivo, dei vantaggi di tali peptidi inibitori rispetto agli anticorpi monoclonali attualmente usati in terapia, nei termini di una maggiore efficacia di risposta e di una riduzione degli effetti collaterali.
  3. L’ingegneria tissutale è una branca dell’ingegneria biomedica che mira alla rigenerazione di tessuti danneggiati mediante l’impiego di biomateriali, fattori di crescita e cellule mesenchimali. La nostra ricerca ha lo scopo di determinare un protocollo standard per l’isolamento, il mantenimento e la caratterizzazione di cellule mesenchimali isolate da legamento parodontale umano (PDLSCs). A tale scopo sono valutati gli effetti di diversi sistema di coltura (terreno di coltura, concentrazione di ossigeno, presenza di siero) sul potenziale proliferativo, il fenotipo mesenchimale e il potenziale osteoblastico delle PDLSCs. L’osteonecrosi della mandibola (BRONJ) rappresenta una delle principali complicanze nei pazienti che utilizzano i bifosfonatiin terapia oncologicaenel trattamento dei disordini scheletrici. La nostra ricerca mira alladeterminazione degli effetti dei principali bifosfonati in uso terapeutico sulla staminalità e il potenziale rigenerativo delle PDLSCs.

Disponibilità tesi: Si

Personale

Barni Tullio

Docente

Biamonte Flavia

Docente

Di Vito Anna

Docente

Quaresima Barbara

Tecnico/Amministrativo

Battaglia Anna Maria

Dottorando di ricerca

Chirillo Roberta

Dottorando di ricerca

Sacco Alessandro

Dottorando di ricerca

Aversa Ilenia

Assegnista di ricerca

Di Sanzo Maddalena

Assegnista di ricerca


Pubblicazioni

Articoli

Autori Titolo Rivista Anno Volume Pagine

Libri e Capitoli

Capitolo/Libro Titolo Autori Anno